fbpx

App native, ibride o web?

Qual è la migliore tipologia di App adatta alla tua attività? Che differenza c'è tra un'app nativa, un'app web ed una ibrida? Scopri con noi quale può essere il miglior approccio per la tua azienda.

Sommario dell'articolo

Il mondo delle app è decisamente molto vasto e popolato da diverse tipologie di approcci, ognuno con i suoi pro e contro, andiamo a capire assieme quali sono questi approcci e quali sono i pro e i contro.

Grazie alla continua evoluzione del mondo mobile e all’esponenziale diffusione degli SmartPhone e dei Tablet,oggi è possibile essere sempre al fianco dei nostri clienti o potenziali tali, tuttavia bisogna farlo nel modo migliore ed adatto alle esigenze del nostro pubblico di riferimento. Per poter raggiungere questi obiettivi e per poter comunicare in modo efficiente e mirato è stato necessario introdurre un nuovo tipo di marketing: il Mobile Marketing.

Immagina un sistema che ti consenta di essere sempre al fianco dei tuoi clienti (in essere o potenziali), che consenta di analizzarne le abitudini e di proporre contenuti utili nel momento giusto. Questo sistema è garantito dalle App!

Non è un caso che in tantissimi stanno rilasciando le proprie app, prima con versioni fatte in html5, css e javascript e poi con app native fatte in Objective C, Swift e Java su piattaforma iOS e Android.

Lo scopo di questo articolo, prima di inoltrarci nelle modalità di fare marketing con questi nuovi ed entusiasmanti strumenti, è quello di esplorare e chiarire le differenze tra le varie tipologie di app: Nativa, Web App e Ibrida

APP NATIVE

Un’APP NATIVA è un’applicazione mobilesviluppata nel linguaggio proprietario di turno (iOS, Android, c#) che dipende dalla piattaforma da coprire (Android, iOS, Windows Phone), viene sottoposta ad una procedura di approvazione da parte degli store sui quali si vuol pubblicare il tutto e viene successivamente scaricata (gratuitamente o a pagamento) e installata sui dispositivi degli utenti attraverso i diversi store (App Store, Google Play Store ecc ecc).

vantaggi dell’App Nativa sono sostanzialmente i seguenti:

  • interagire con tutto quello che offre il device dove viene installata (ad esempio la fotocamera, la rubrica, la geolocalizzazione, i messaggi ecc ecc);
  • visibilità dell’app garantita dall’essere pubblicati su uno store che si traduce in un maggior ritorno;
  • prestazioni ottime;
  • possibilità di scegliere il tipo di funzionamento: online, offline o ibrido.

WEB APP

Una Web App è una normalissima applicazione web che solitamente simula l’aspetto di un’interfaccia nativa, in definitiva quello che si va a creare è un sito ottimizzato per funzionare con i dispositivi mobili, questo significa sostanzialmente: impossibilità di interagire con l’hardware dello smartphone dell’utente, impossibilità di funzionamento offline, impossibilità di pubblicazione sugli store e quindi una sostanziale perdita di visibilità che questi ultimi offrono.

Ma quindi ci sono solo svantaggi per una Web App? Assolutamente no! Una Web App, a fronte di enormi limitazioni, presenta anche alcuni vantaggi:

  • sviluppo con linguaggi abbastanza comuni quali html e css;
  • non deve essere sottoposta al processo di approvazione del Market di turno;
  • poter essere trovati/indicizzati tramite motori di ricerca;
  • tempi di sviluppo più bassi.

APP IBRIDA

Come dice il nome stesso un’App Ibrida si colloca a metà strada tra la Web App e l’App Nativa in quanto propone solitamente un’interfaccia basata su linguaggi quali html5 css il tutto incapsulato all’interno di un’app nativa. Questo tipo di approccio conserva alcuni svantaggi quali: interfaccia solitamente poco performante e limitata, necessità di costruire strutture intermedie che consentano all’app di interagire con la strumentazione presente sul dispositivo dell’utente (se necessario) e che quindi, di fatto, non rendono universale il tutto.

I vantaggi di questo tipo di approccio invece sono abbastanza evidenti e sono i seguenti:

  • possibilità di pubblicazione sul market;
  • realizzazione di un’interfaccia sola (anche se spesso limitata) anziché una per ogni tipologia di device.

Tabella-App

Conclusioni

Qual è la migliore tipologia di App adatta alla vostra attività?
Per poter rispondere a questa domanda, bisogna tentare di rispondere alle seguenti domande:

  • Qual è il target della nostra app?
  • Quali sono le funzionalità desiderate?
  • Qual è il budget coinvolto?
  • L’app richiede interazione con il device dell’utente? Ad esempio necessito della posizione dell’utente? Voglio accedere alla rubrica, salvare dei dati o altro? Spesso la risposta a questa domanda può essere data da un consulente dopo aver analizzato le effettive esigenze e le funzionalità desiderate.
Giovanni D'Addabbo
Giovanni D'Addabbo
Ciao! Sono Giovanni D'Addabbo e come direbbe qualcuno dei miei clienti, sono un informatico atipico :) Consulente per oltre dieci anni presso aziende quali Poste Italiane, Terna e Telecom, qualche anno fa ho deciso di raccogliere altre sfide e così ho fondato la Rhubbit srl. Mi occupo di mobile marketing, growth hacking, formazione e sono un amante della fotografia e del gioco di ruolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Invia Messaggio

Qual è tuo più grande problema aziendale che stai cercando di risolvere?

Ti invieremo una proposta commerciale volta alla sua risoluzione.
Non hai nulla da perdere

SPECIALE COVID-19

Devi realizzare un'app di catalogo?

Approfitta dell’offerta speciale che abbiamo in serbo per te!
L’App nativa per Apple e Android al 50%!

Iscriviti ora all'unico corso gratuito in Italia sul mobile marketing

Riceverai le lezioni comodamente nella tua casella di posta elettronica e potrai contattare il docente in qualsiasi momento.

Iscriviti al corso gratuito di SCRUM!

Iscriviti ora all’unico corso gratuito esistente in rete su SCRUM.
Ricevi le lezioni comodamente in mail e se necessario fruisci del supporto del docente.